Questo articolo è stato scritto da Redazione Tonno Nostromo

La pausa pranzo può essere una sana coccola che rianima la tua giornata di lavoro. Come? Scoprilo con i nostri consigli!

Scegli cibi sani e leggeri: finita la pausa pranzo dovrai tornare al lavoro! Evita quindi cibi troppo grassi che ti appesantiscono e ti fanno desiderare la pomeridiana!


Le vacanze sono ormai un ricordo e le giornate sono fatte di lunghe ore di lavoro e ritmi da ufficio.

Uno dei pochi momenti di relax è quello da dedicare al pranzo che spesso si trascorre davanti al computer, o mangiando un panino in un bar nei pressi dell’ufficio.

Impara a dare valore a quell’ora di libertà e fai in modo che la pausa pranzo diventi un momento utile per rianimarti e per affrontare con grinta il resto della giornata.

Ecco i nostri 10 consigli per la pausa pranzo perfetta: sana e rigenerante!

 

  1. Non mangiare davanti al computer: anche se sei un ufficio non vuol dire che il pranzo debba essere scomodo e solitario. Se nel tuo ufficio c’è uno spazio dedicato pranza in compagnia dei colleghi, apparecchia la tavola e goditi appieno la pausa.

 

  1. Non saltare la pausa pranzo: un momento di riposo è fondamentale per essere più efficiente, ma anche propositivo. Inoltre saltare il pasto non è mai utile per il benessere dell’organismo.

 

  1. Scegli un posto bello: che sia un parco di fianco l’ufficio, una piazzetta tranquilla, una sala ristoro o il cortile del palazzo, trascorri il tuo tempo libero in un luogo che ti faccia stare bene.

 

  1. Dedicati a qualcosa che ti piace: in un’ora si possono fare tante cose! Leggi, ascolta musica, fai una passeggiata, guarda un telefilm in streaming o porta il kit da uncinetto: dedicati a un’attività che ti faccia rilassare e ti doni il sorriso!

 

  1. Porta il pranzo da casa per la tua salute e per il tuo portafogli! Mangiare ogni giorno cibi pronti o al bar non consente di seguire una dieta equilibrata apportando un eccesso di grassi e uno squilibrio tra le sostanze di cui il nostro organismo ha bisogno. Inoltre la spesa è due o tre volte maggiore rispetto a un pasto preparato in casa.

 

Cosa mettere nella schiscetta?

 

  1. Scegli cibi sani e leggeri: finita la pausa pranzo dovrai tornare al lavoro! Evita quindi cibi troppo grassi che ti appesantiscono e ti fanno desiderare la pennichella pomeridiana!
    Sì a legumi, verdure, quinoa, cereali integrali e proteine. Preferisci il pesce alla carne perché più facile da digerire, ma evita pesce fresco dall’odore troppo intenso. Il pesce in conserva è pratico e perfetto per il pranzo fuori casa.

 

  1. Mettici un tocco di colore: Leggero non è sinonimo di triste! Scegli alimenti belli da vedere che ti invoglino a essere mangiati. Rallegra i tuoi piatti con verdure colorate, un uovo sodo tagliato a metà, erbe aromatiche fresche. Scegli anche posate e tovaglie colorate e che ti piacciano dal punto di vista estetico. Una tavola ben apparecchiata basterà per iniziare il pranzo con il sorriso!

 

  1. Scegli ricette facili da preparare altrimenti non sarà facile essere costanti e cucinare il pranzo tutti i giorni. Una frittata, un piatto di pasta integrale con verdure e tonno o una ricca insalata di farro e sgombro sono esempi di piatti completi, ma rapidi da preparare.

 

  1. Prepara la giusta dose: Evita di portare con te porzioni troppo striminzite altrimenti il pranzo ti lascerà insoddisfatta e cercherai qualcosa di sfizioso per compensare durante tutto il pomeriggio. Al contrario non preparare porzioni esagerate che possono appesantirti e rallentarti.

 

  1. Non farti mancare un dolcetto! Dare una gratificazione al tuo lavoro è importante per mantenere alto l’umore e farti ritornare al lavoro con il sorriso. Porta con te un cioccolatino, un budino o uno yogurt. Qualunque cosa pratica e non troppo ricca che appaghi la tua voglia di dolce!

 

E se per un giorno non hai voglia di cucinare per la pausa pranzo del giorno dopo prepara una dose in più della tua cena e portala in ufficio! Eviterai avanzi in frigorifero e ti garantirai un pranzo comunque sano e fatto in casa!

Condividi questo articolo