Questa ricetta è stata creata da Redazione Tonno Nostromo

La semplicità vince sempre. E’ un motto valido anche in cucina, ambito in cui la semplicità vive tutti i giorni.
Eppure viene spesso abbandonata a favore della complessità, nel momento in cui si desidera fare “bella figura”.
In questi casi, ed in molteplici preparazioni, il burro aromatizzato può fornirti quel qualcosa in più.

Credi non sia possibile?

Prepararlo richiede pochi minuti e basta qualche accortezza per servirlo in modo elegante o per arricchire portate.

Ecco qualche idea:

  • Con una forchetta ammorbidiscilo e rendilo cremoso fino a ottenere un burro pomata, versalo in una sac à poche con la punta a stella e farcisci piccoli panini dolci da buffet.
  • Forma dei classici fiocchetti di burro arricciandolo bene con un coltello, poi decora una semplice insalata o degli antipasti freddi.
  • Spalmalo semplicemente sul pane e arricchisci le tue tartine con i cucunci, ovvero i frutti del cappero. Poco conosciuti, ma di sicuro effetto!
  • Forma delle palline di burro con uno scavino e ponile al centro della tavola insieme a pani particolari, un’abitudine dei vicini svizzeri sempre molto gradita ai commensali.

E se dovesse avanzarne un po’?

Usa il burro aromatizzato per condire gli spaghetti aggiungendo giusto una manciata di prezzemolo tritato!

Ingredienti

  • 100 g Burro
  • 3 Sardine Nostromo all'Olio di Oliva
  • q.b. Pepe nero

Preparazione

Taglia il burro a tocchetti e ponilo in un frullatore.

Pulisci le Sardine all’Olio di Oliva eliminando la lisca centrale e uniscile al burro.
Se desideri aggiungi del pepe nero o qualche erba aromatica a piacere.

A questo punto frulla il tutto fino a ottenere un composto uniforme.

Raccogli il burro dal frullatore e ponilo su un foglio di carta forno o pellicola. Compattalo in modo da formare un panetto, avvolgilo e conservalo in frigorifero fino all’utilizzo.

Se desideri utilizzarlo per formare eleganti ciuffi, versa il burro appena frullato direttamente nella sac à poche e conservalo in frigorifero. Riporta poi a temperatura ambiente mezz’ora prima dell’uso.

Condividi questo articolo